Fabriano Città Creativa dell’UNESCO

Fabriano Città Creativa dell'UNESCO

Fabriano, Città Creativa dell’UNESCO per l’Artigianato e le Arti Popolari

 

 

Il 18 Ottobre 2013, premiando la lunga storia creativa della città, e il vigore con cui il territorio aveva intrapreso un cammino di riconversione dalle attività industriali a un recupero della dimensione artigiana, artistica e culturale, Fabriano ha ottenuto il riconoscimento di Città Creativa dell’UNESCO, la seconda in Italia assieme a Bologna, la sesta nel mondo per la categoria dell’Artigianato e delle Arti Popolari.

Fabriano città di pittori, fabbri e mastri cartai è conosciuta nel mondo per la sua Carta la cui lunga storia permea la città con un legame indissolubile. Creazione e trasformazione sono le caratteristiche di Fabriano “città della carta” che ebbe,  nel XIV secolo, una straordinaria fioritura di pittura locale esprimendo il genio del Gentile.

La Città di Fabriano vanta una straordinaria storia e tradizione nell’artigianato e ha dimostrato di fondere con successo cultura, artigianato e turismo con l’obiettivo principale di preservare l’artigianato tradizionale e armonizzare industria artigianato contemporaneo. A questo scopo Fabriano Città Creativa dell’UNESCO promuove la creatività e le diverse forme d’arte attraverso eventi , mostre d’arte e festival, e patrocina attività di formazione volte al recupero dei saperi tradizionali.
La Fondazione Aristide Merloni sostiene le attività di Fabriano Città Creativa dell’UNESCO, partecipando al suo Comitato di Gestione e collaborando alla realizzazione degli eventi e delle attività formative connesse.
Per seguire le attività di Fabriano Città Creativa dell’UNESCO: www.fabrianocreativa.it

Progetti

Forum delle Città Creative per l’Artigianato e l’Arte Popolare e residenza d’artista di Cristiano De Andrè
Residenza d’artista di Gilberto Gil
Residenza d’artista di Sergio Cammariere

 

Fabriano Città Creativa UNESCO Corriere della Sera

Fabriano, Città Creativa UNESCO, su “Sette”, supplemento del “Corriere della Sera”