Master Temporary Manager per l’Europrogettazione d’Impresa

Il volantino del Master per Temporary Manager in Europrogettazione

 

Il Master in Temporary Manager per l’Europrogettazione d’Impresa è un corso gratuito di formazione manageriale, realizzato in formula weekend. Il Master è organizzato dalla Fondazione Aristide Merloni, in collaborazione con Confindustria, CGIL, CISL, UIL, Confartigianato e CNA delle Marche, e si avvale della collaborazione di Co.Mark, società di temporary export management.

Durata:

3 mesi, dal 5 Maggio 2016 al 4 Luglio 2016 :
12 Lezioni frontali (80 ore);
2 visite aziendali;
Formula Weekend : 2 lezioni settimanali, il venerdì e il sabato dalle 09.00 alle 13.00

 

OBIETTIVI E DESTINATARI :

Il Master in Temporary Manager per l’Europrogettazione d’Impresa forma manager qualificati per assistere le imprese ad integrare i fondi europei nelle loro strategie. Il professionista così individuato assume temporaneamente l’incarico di costruire e gestire progetti di investimento e sviluppo finanziati tramite i fondi europei. Il Temporary Manager identifica i bisogni dell’azienda e verifica quali opportunità siano a disposizione, tra i bandi per i fondi indiretti regionali e i fondi diretti della Commissione Europea.
Il Master in Temporary Manager per l’Europrogettazione coinvolge una classe di 39 iscritti, che include professionisti già attivi nel settore e interessati ad aggiornare e qualificare la propria formazione, neo-laureati in diversi settori, e una selezione di funzionari e collaboratori delle associazioni sindacali e di categoria della Regione Marche.

 

Studenti Master Temporary Manager Europrogettazione Fondazione Merloni

 

IL TEMPORARY MANAGER, CHE COS’E’

Il corso intende formare dei temporary manager, un professionista chiamato dall’impresa ad assumere la gestione di una sua area operativa per affrontare criticità o per cogliere nuove opportunità di crescita e sviluppo del business.
L’intervento di un temporary manager è più qualificato e approfondito di quello di un consulente: pur non essendo parte dell’organico a tempo pieno dell’azienda il temporary manager assume per la durata del progetto la guida di una funzione aziendale, gestendone la fase esecutiva. L’intervento di un temporary manager può seguire una consulenza, che abbia identificato delle necessità, o anticiparla, stabilendo le linee operative che il consulente dovrà poi implementare.
Quello del temporary manager è un ruolo delicato, che porta il professionista a confrontarsi direttamente con l’imprenditore e con le sue progettualità, gestendo informazioni riservate e entrando in profondità nel funzionamento delle strutture aziendali. La presenza di un temporary manager permette all’impresa di sviluppare progetti ambiziosi senza avere una struttura operativa già pronta: il contatto con un temporary manager accresce quindi le capacità complessive di tutta l’azienda, introducendo elementi di cambiamento e nuove tecniche manageriali.
La figura del temporary manager si è affermata negli ultimi trent’anni a fronte dei processi di ristrutturazione aziendale e della necessità di assicurare interventi e decisioni sempre più puntuali, flessibili e personalizzati.
La Fondazione Merloni e i suoi partner hanno voluto preparare questo percorso formativo in collaborazione con Co.Mark, la prima società italiana di temporary management, con una forte vocazione internazionale e un collegamento con il Parco Tecnologico Kilometro Rosso.

LE MARCHE E I FONDI EUROPEI

La scelta dell’Europrogettazione come tema risponde alle necessità evidenziate dalle imprese delle Marche nel rapporto Orizzonte Europa, che la Fondazione Aristide Merloni ha presentato con Enrico Letta e le parti sociali della nostra regione nel Dicembre 2015.
Dall’analisi, che ha coinvolto 130 tra grandi, medie, piccole e micro-imprese delle Marche, è emerso con chiarezza come le nostre aziende puntino con forza ai fondi europei (più del 55% del campione ne ha usufruito), ma sentano la necessità di informazioni personalizzate sui bandi più coerenti con le loro progettualità.
Il rapporto ha anche evidenziato come poche imprese marchigiane abbiano personale interno dedicato all’europrogettazione e come le opportunità dei fondi 2014-2020 siano ancora poco conosciute.
Quella dei fondi europei è una partita molto importante per le Marche: nei prossimi anni, verranno infatti mobilitate risorse comunitarie per 1,2 miliardi di Euro solo nella nostra regione. La Fondazione ha quindi scelto di costruire un percorso di formazione che aiuti a unire la domanda di progettazione europea con l’offerta di professionisti qualificati e pronti a calarsi nelle specifiche esigenze aziendali.

ATTIVITA’ FORMATIVE 

Le attività formative della Fondazione Merloni sono sempre caratterizzate da un taglio pratico e concreto: per il corso di Temporary Manager, la Fondazione ha voluto affidarsi a un corpo docenti che include professionisti e funzionari dalla lunga esperienza sul campo, oltre a delle visite in aziende di eccellenza sul fronte della gestione dei finanziamenti europei.